Separazione e divorzio: chi tutela i figli?

Nelle separazioni e nei divorzi, oltre ai due coniugi, sono spesso coinvolti anche i figli, i quali, pur non essendo parti vere e proprie del giudizio, hanno comunque un ruolo assai importante.

Tuttavia, proprio perché non sono parti del giudizio, i figli non possono “difendersi”, non hanno un avvocato e non possono manifestare il loro punto di vista (salvo quando viene disposta la loro audizione).

Ma allora chi tutela le loro ragioni?

Innanzi tutto, dovrebbero farlo, com’è ovvio, i genitori.

Ma un ruolo importante lo ha anche il Giudice.

Infatti, sia per espressa previsione di legge, sia per interpretazione consolidata della giurisprudenza, il Giudice è chiamato a decidere tenendo conto, prima di ogni altra cosa, dell’interesse dei figli.

Questo significa, ad esempio, che il Giudice non è vincolato dalle richieste e nemmeno dagli accordi raggiunti dai genitori; infatti, se ritiene che quegli accordi non soddisfino adeguatamente l’interesse dei figli, egli può discostarsene e decidere altrimenti.

Il 14 settembre scorso la Corte di Cassazione ha emesso l’ordinanza n.19077/20, nella quale, per l’appunto, si legge che “in tema di separazione personale tra coniugi e di divorzio il criterio fondamentale cui devono ispirarsi i provvedimenti relativi ai figli è rappresentato dall’esclusivo interesse morale e materiale dei figli stessi”.

Pertanto, aggiunge poi la Cassazione, “il giudice non è vincolato alle richieste avanzate ed agli accordi intercorsi tra le parti e può quindi pronunciarsi anche ultra petitum”.

Come detto, dunque, il Giudice è libero di assumere decisioni anche in contrasto con gli accordi raggiunti dai genitori, se ritiene che quegli accordi non tutelino sufficientemente i figli.

Ma questo principio vale solo per i figli minorenni o anche per quelli maggiorenni?

Vale per entrambi.

Nelle medesima ordinanza, la Cassazione conclude, infatti, precisando che “il suddetto fondamentale criterio ispiratore trova applicazione anche nell’ipotesi in cui i figli siano maggiorenni, non essendovi ragione per differenziare la posizione di questi ultimi da quella dei figli minori, ricorrendo in entrambe le ipotesi la stessa esigenza di tutela, connotata, per i figli maggiorenni, dal concorrente ed accertando requisito della mancanza di autosufficienza economica, che è, invece, in re ipsa se il figlio è minore di età”.

Avv. Mauro Sbaraglia

Photo by Kevin Gent on Unsplash

Item mobile-menu not registered or doesn't have a view.php file.